Pratite nas na Facebooku


Pratite nas na Twitteru

Così siamo cresciuti

13.06.2003 - 13.07.2003




La mostra «Cosi siamo cresciuti» e il risultato di un lavoro comune quadriennale del Museo etnografico dell'Istria e degli alunni della classe IVc della SE "Vladimir Nazor" di Pisino.
Il nostro obiettivo e stato di capire qual e il ruolo degli oggetti "comuni" che danno forma al nostro quotidiano. In questo modo si acquisisce un rapporto specifico nei confronti degli oggetti di cui, col tempo, ci dimentichiamo.

Durante il progetto quadriennale abbiamo raccolto proprio questi oggetti; cosi nella prima classe sono stati raccolti in maggior parte giocattoli , libri illustrati e oggetti simili di cui abbiamo fatto uso prima di iniziare a frequentare la scuola. Col tempo abbiamo recuperato i primi disegni, le prime prove scritte, i primi libri letti e quaderni usati.
In questo modo cercheremo di illustrare i cambiamenti che si sono manifestati nella vita di una generazione di alunni.
Sono gli stessi ragazzi della IVc a guidarci attraverso la mostra.
Si parte dal periodo prescolare per proseguire attraverso la prima, la seconda, la terza e la quarta classe con disegni, esami, scritti e altri lavori apparsi lungo questi periodi. Data l'importanza del gioco e del tempo libero per ogni bambino, abbiamo ideato anche la "stanza dei bambini". E difficile trovare una persona che non abbia avuto nella propria vita un hobby, fra i quali il piu comune e la raccolta di figurine, figure varie, bustine di zucchero e simili che e sicuramente un segmento importante del tempo libero.
Un pannello a parte illustra i lavori degli alunni apparsi durante i laboratori (laboratorio pasquale, laboratorio delle maschere e quello sulle Giornate del pane) organizzati dal Museo etnografico dell'Istria.

Il proposito di questo progetto, fra l'altro, e anche di far conoscere ai bambini come funziona il museo dall'interno, come si raccolgono gli oggetti, che cosa fanno i conservatori e come lo fanno e, alla fine, come nasce una mostra.

Mirjana MargetiŠ
pedagoga del Museo