Pratite nas na Facebooku


Pratite nas na Twitteru

Futuri progetti

Invito a raccogliere  materiale sull’emigrazione istriana

Cari Istriani,

Il Museo etnografico dell’Istria, con sede a Pisino, è uno dei due musei regionali in Istria e si occupa di cultura istriana. Stiamo preparando una nuova mostra permanente nella quale desideriamo presentare l’esperienza dell’emigrazione dall’Istria, dunque l’emigrazione istriana.
Finora questo importante argomento non è stato  trattato nel museo. Siamo del parere che i fatti poco noti riguardanti la diaspora istriana debbano essere presentati nel nostro museo, per dar modo ai vari visitatori (inclusi gli studenti, i turisti, ecc.) di conoscere di più in merito.
Pertanto, ci servono determinati oggetti, ossia:
- fotografie che illustrano la partenza dall’Istria, il periodo trascorso nei campi d’accoglienza in Italia, l’arrivo nelle nuove terre, i primi anni nella nuova patria, le feste familiari, le fotografie di appartamenti e case, ricordi dall’Istria, ecc.
- documenti con i quali veniva regolato il viaggio dall’Istria, la vita nei campi d’accoglienza (passaporti, lasciapassare, ecc.), i permessi e le richieste di lavoro, e documenti di questo genere
- lettere dall’Istria oppure quelle  spedite in Istria
- oggetti che sono stati portati via dall’Istria come ricordo della terra natia e oggetti acquistati nella nuova patria che hanno una determinata importanza simbolica (per esempio, il primo vestito acquistato in quel luogo)
- informazioni / documentazione sull’attività dei Club istriani
Nel caso non voleste rinunciare per sempre ai vostri oggetti, esistono due possibilità: con un contratto si può regolare il prestito per un periodo di cinque anni oppure (qualora si trattasse di documenti e  fotografie) è possibile fare delle ottime copie con il sistema di scansione.
Se deciderete di mandarci del materiale, vi saremmo molto grati se ci deste la possibilità di sentire o leggere qualcosa sulla vostra  esperienza personale di emigranti, per capire meglio l'importanza dell’oggetto in tale contesto. Lo si può fare anche con una registrazione audio o video, su videocassetta oppure CD oppure semplicemente mettendolo per iscritto.
Qualora riteneste che qualcosa non dovrebbe essere  esposto in pubblico, vi preghiamo di comunicarcelo (come ad es. la propria firma alla fine di una lettera, ecc.)

Perché ha senso fare tutto ciò?

- Per il fatto che questa è la prima, e finora l’unica, iniziativa che si prefigge di presentare in un museo gli specifici destini degli emigranti istriani
- La seconda generazione – i vostri figli – probabilmente non potrà più raccontare le vostre esperienze, e quindi tale segmento della storia istriana rimarrà sconosciuto, non narrato e anonimo
Vi garantiamo che la nostra interpretazione museologica eviterà qualsiasi  valutazione e commento di carattere politico, ossia ideologico. Noi siamo un museo etnologico (antropologico) e non un museo storico e ci interessa la vita delle persone, e non gli avvenimenti storici come tali.
Potete contattarci anche in lingua inglese, italiana e tedesca, per posta, fax oppure e-mail:

Etnografski muzej Istre (Museo etnografico dell’Istria)
Trg Istarskog razvoda 1 (Piazza dello Scisma istriano 1)
52000 Pazin – Pisino, Croatia
tel/fax: 00 385 52 622 220
tel/fax: 00 385 52 624 351
lidija.nikocevic@emi-pazin.t-com.hr
lidija@emi.hr
http://www.emi.hr

C’auguriamo che riterrete tutto ciò come un’opportunità per raccontare la vostra esperienza di emigranti, attraverso la nostra mostra museale permanente, il cui spazio e i mezzi sono stati messi a vostra disposizione.
Vi preghiamo di inviarci i vostri contributi entro il 1 aprile 2007.


La Direttrice
mr.sc Lidija Nikočević