Pratite nas na Facebooku


Pratite nas na Twitteru


Benvenuti sul sito del Museo etnografico dell'Istria!




Presentazione della guida per bambini

In occasione della Giornata internazionale del Museo, il Museo Etnografico dell'Istria Vi invita alla presentazione della guida per bambini Predi predi hći moja/Fila, fila figlia mia dell'autrice Mirjana Margetić.
La presentazione si svolgera' lunedi', 18 maggio alle ore 12 nel Castello di Pisino.
Di piu' sull'iniziativa COVID 19/Diarii 20:

Cari amici, colleghi, utenti
- Avete paura di Coronavirus?
- Come e in che modo la pandemia influisce sulle vostre vite?
- Quanto e in che modo la pandemia di Coronavirus ha cambiato la vostra quotidianita’, le vostre abitudini?
- Siete in quarantena, isolamento?
- Siete mai stati nelle situazioni simili, situazioni di epidemia o pandemia? Avete mai sentito le storie simili? Scriveteci quelle storie...
Queste sono alcune delle domande con le quali vi invitiamo di creare con noi il nuovo archivio di Museo Etnografico dell’ Istria- COVID 19/Diarii 20, di sviluppare i fondi museali e, infine, di rendere possibile ai ricercatori e scientifici a dedicarsi a questo, speriamo irripetibile, fenomeno. Vi preghiamo di condvidere con noi: le testimonianze scritte, pensieri, esperienze, emozioni, ogni altro tipo di documenti (fotografie, audio e video) sull’indirizzo e-mail: covid.dnevnici@emi.hr.
Di piu' sull'iniziativa COVID 19/Diarii 20:
COVID- 19/Diarii- 20
Rapid Response Collecting*
Pandemia COVID- 19 e' stata ufficialmente riconosciuta come pandemia globale 11 Marzo 2020. Da quella data abbiamo testimoniato lo sviluppo rapido dell'organizzazione delle misure di sicurezza e la crescita di nuovi decreti dei corpi ufficiali da gran parte del mondo, specialmente in paesi europei. Quelle misure implicavano, tra l’altro: i limiti della liberta’ di circolazione, le nuove regole della vita sociale, la sospensione di manifestazioni, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso; la chiusura dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché delle istituzioni di formazione superiore, comprese le università; la sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura; la chiusura di tutte le attività commerciali, ad esclusione di quelle di pubblica utilità, dei servizi pubblici essenziali e degli esercizi commerciali per l’acquisto dei beni di prima necessità.
Pandemia COVID- 19 ha provocato la paura e la preoccupazione per la salute, per la vita; ha provocato la solitudine. La curva della crescita pandemica ha concrettizato pure quella di ogni nostra operazione, communicazione, creazione, lavoro e tempo libero delle nostre quotidianita’. La communicazione principale e unica divento’ quella via le reti, via Internet, via i canali delle telecomunicazioni generali: i cellulari, SMS, Viber, Whatuspp, Facebook, E-mail. L’universo delle emozioni si apre e vive tramite i messaggi, i diarii di ognuno di noi, prima di essere riffletute. Questo fatto ci porta ad un valore particolare di esse.
Le testimonianze possono essere trasmesse in varie e diversissime forme, talmente tante quanti sono le storie che raccontanto. Si raccontanto tramite parole, tramite illustrazioni, quadri, fotografie, suoni, animazioni...Dall' inizio della pandemia anche noi partecipiamo in tali communicazioni, scriviamo e leggiamo le note delle vite delle persone che, dipendentemente dalle residenze, in proprio modo e con le regole della vita che li vengono imposte testimoniano e (sopra)vivono le loro nuove realta'. I diarii si scrivono da per tutto, e noi ritenimano particolarmente interessante il fatto di poter confrontarli, con tutte le loro diversita' e similitudini.
Le testimonianze vengono raccolte in tempo reale, in tempo storico che viviamo. A parte quelle, raccogliamo anche le informazioni ufficali, informazioni sulla crisi e sulle consequenze della crisi. Per adesso non siamo certi in che modo saranno articolati musealmente i dati, pero' siamo sicuri che questo nuovo fondo avra' un valore importante per lo sviluppo di nostri fondi e un valore importante per tutti gli utenti, colleghi e amici del nostro museo, per tutte le future ricerche e iniziative. Siamo convinti che ognuno di noi, e quelli che arriveranno dopo di noi saranno interessati di sapere com'era vivere e sopravvivere la pandemia COVID- 19, Coronavirus.
Non siamo gli unici che lavorano su questa iniziativa, simili procedono nei musei di Finlandia, Svizzera, Danimarca, Gran Bretagna, da poco anche in Slovenia. I modeli di raccolta dei dati varia, varia il focus dell'interesse, alcuni di loro raccolgono soltanto i diarii, alcuni cercano di raccogliere le informazioni sugli oggetti.
Per bisogni di nostra iniziativa procediamo anche noi al lavoro sul campo, raccogliamo varii documenti, rispettando le misure di sicurezza e tutti i decreti.
Coordinatrice dell'iniziativa:
Nuša Hauser, Museo Etnografico dell’Istria
La pubblicazione digitale della mostra „Di che hai paura?

Vi presentiamo la pubblicazione digitale della mostra „Di che hai paura? La paura nel nostro quotidiano.” La mostra si può ancora visitare nel museo. Intanto, siete liberi di accedere alla pubblicazione seguendo questo link
https://cegasebojis.files.wordpress.com/2020/05/cega_se_bojis_e-pub-1.pdf oppure
https://cegasebojis.wordpress.com/e-book/

Buona Pasqua

Cartolina EMI 6828,
Collezione di cartoline, biglietti d'auguri e lettere
1973 Anni

tel/fax:
+385 (0)52 622-220
e-mail: emi@emi.hr


Se volete ricevere informazioni sulle manifestazioni nel museo, inviateci il vostro indirizzo di posta elettronica.